Ottobre – Canto d’Autunno

[ Image: © Kirsty Mitchell, The Journey Home, from The Wonderland Book ]

A me,
E al pezzo d’anima che Ottobre si prese.

Dolce Autunno che spiri dall’Ovest 
fili la bruma e le tele di ragno, 
canti dell’uva e l’ebrezza del raccolto, 
intrecciando con dita di sonno 
il tempo in cui tutto riposa. 

Sul tuo talamo frusciante 
la vita si assottiglia
ed io smarrita entro mura diroccate,
non interrogo le stelle,
muti abbagli di pietra,
né le nubi,
promesse di orizzonti che non sfiorerò mai.

In Autunno credo solo alle nebbie,
da cui tutto proviene e nessuno può conoscere.
Così in ascolto sul crinale delle ere mi scopro Memoria,
al cospetto di un futuro che ha i miei occhi e non mi somiglia.
«Lascia andare», mi sussurra con gocce di pioggia.

Il sacrificio è compiuto, 
i canti si spengono… 
La promessa dell’Autunno  
è un silenzio di fango  
posto sull’altare delle ere. 

© Alice Rocchi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: