Le dame del Père Lachaise

Le dame del Père Lachaise non sorridono, non si preoccupano d’essere amabili e non scambiano mai uno sguardo coi visitatori.
Sembrano mute, ma non tacciono mai.
Conversano col compagno di pietra, l’amico di bronzo, talvolta col passante che gli porta silenzio in mancanza di fiori. 
Paiono tristi, ma non credo lo siano. Riflettono, sognano, alcune addirittura sperano.

Nulla mi toglierà la convinzione che conoscano un segreto, un segreto che riguarda il tempo. Sogno di carpirlo come un sussurro tra la pioggia che inizia e il muschio che si desta. Per questo rimango a lungo sui sepolcri in attesa.
La loro fiducia non è affatto semplice da conquistare: pretendono costanza, rispetto, un corteggiamento discreto, ma incessante.
Le cornacchie hanno finalmente rinunciato ad alzarsi in volo al mio passaggio, e qualche dama si fa trovare più facilmente nel dedalo intricato di esistenze concluse. Sarà pretenzioso, ma ritengo che mi aspettino.

Il segreto è a un passo, chissà se mi verrà svelato?
Qualcosa mi dice che la chiave non è tanto in ciò che sanno.
Il segreto è sul fondo degli sguardi immobili, in ciò che videro, vedono e vedranno passare lungo questi sentieri.

[Testi e immagini © Alice Rocchi]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: