Il peso del silenzio

Ieri mattina mi ha scritto una lettrice speciale, una persona che fino a due anni fa non sapeva di essere la discendente di una vittima degli Eccidi di Monte Sole

Caro Autunno

Allora, una luce attraversa lo sguardo di chi ha posto la domanda, una scintilla d’intuizione, ma nella maggior parte dei casi non credono a ciò che hanno intravisto e si limitano a sorridere scuotendo le spalle.

Con lei lungo il fiume

Camminare veloce è un rimedio alla malinconia. Forse non sono l’unica, mi dico schivando i parigini sempre di corsa quando non c’è un tavolino o un bicchiere mezzo pieno a trattenerli.

Blog su WordPress.com.

Su ↑